mercoledì 18 settembre 2019

Rimembranza della felicità con Mirta




Oggi fotocopio la gioia
del tuo invernale invito
a dormire nella tua villa
(se c'era in te malizia lo sa Dio).
Oggi ripenso alle tue ceneri
Mirta che ti sei ammazzata.
Ma dal nulla del dolore emerge
l'essere e imploro San Gennaro
di esaudirmi e la salvezza
e ha portata di mano nel frutto
dell'arancio e non ti ho mai baciata.

Raffaele Piazza

Verrà il tempo - Poesia di Felice Serino (Introspezione)

Verrà il tempo - Poesia di Felice Serino (Introspezione): c' è tempo e tempo / quello della gioia quello del dolore / la vita ti ha insegnato a piangere // non puoi chiedere di essere liberato / se è stabilito / che il cornuto ti debba stare dappresso / con la tagliente sua lingua biforcuta // verrà il tempo / -oltre

Il tempo prima della felicità di Alessia




Limbo di tempo a fermarsi e azzerarsi
nell'attimo del guardarlo negli occhi
per Alessia per leggere amore
nel trasfigurarsi dell'iridato dell'anima
di 18 grammi paesaggio e sta Alessia
infinitamente prima di salutarlo sulla
porta soglia da consumare in due.
Ed è il tempo prima della felicità
che sarà dell'amore il letto nel film
privato di Alessia la vita parallela
alla vita.

Raffaele Piazza

domenica 15 settembre 2019

Canto di sirene - Poesia di Felice Serino (Introspezione)

Canto di sirene - Poesia di Felice Serino (Introspezione): la normalità non esiste: la vita / è una continua sorpresa / in luce- ombra navigante nel sangue // saltate le coordinate / -farfalle di fumo- niente // di più

E. Montejo - da "Papiri amorosi"

Eugenio Montejo

Lascia che ti ami fino a quando girerà la terra
e gli astri inchinino i loro cranei azzurri
sulla rosa dei venti.
Galleggiando, a bordo di questo giorno
nel quale per caso, per un istante,
ci siamo destati così vicini.
Ho potuto vivere in un altro regno, in un altro mondo,
a molte leghe dalle tue mani, dal tuo sorriso,
su un pianeta remoto, irraggiungibile.
Sono potuto nascere secoli fa
quando non esistevi in nulla
e nelle mie ansie di orizzonte
potevo indovinarti in sogni di futuro,
ma le mie ossa a quest'ora
non sarebbero che alberi o pietre.
Non è stato ieri né domani, in un altro tempo,
in un altro spazio,
né giammai accadrà
quantunque l'eternità lanci i suoi dadi
a favore della mia fortuna.
Lascia che ti ami fino a quando la terra
graviterà al ritmo dei suoi astri
e ad ogni istante ci stupisca
questo fragile miracolo di esser vivi.
Non abbandonarmi fino a quando essa non si fermerà.

(da Papiri amorosi )

" Un amore felice " Wislawa Szymborska - Interprete: Sergio Carlacchiani

Sotto porticati